>Tommaso Campanella

>

Frate domenicano, filosofo eretico, poeta, astrologo e mago avventuriero,Tommaso Campanella è l’uomo per il quale l’universo era “Li teatri e scene nelle quali rappresenta il senno eterno tanti gran giochi di rote sopra ruote”

Nelle campagne di Stilo, a Stignano uno dei casali del piccolo paesino ionico della Calabria, terra desolata dal malgoverno spagnolo, dalle calamità naturali e dalle scorrerie turche, nasce il 5 settembre 1568 in una casa dove per far luce si accendeva un fascio di ristoppie, Giovan Domenico Campanella, dal padre Geronimo, ciabattino analfabeta ma saggio, e da Caterinella Martello, un’intelligente contadina con tanti figli da accudire. Il piccolo Giovan Domenico, assetato di una voglia insaziabile di conoscere e scoprire, cresce con i racconti paterni attorno al focolare domestico, dai quali intuisce che la possibilità di apprendere passava, così come avveniva fino a pochi decenni prima, attraverso la chiesa. Precocissimo, brucia in lui la sete di sapere: ammaliato dall’eloquenza di un frate domenicano, a 13 anni entra nell’Ordine dei predicatori e diventa frate Tommaso. I suoi maestri delle discipline grammaticali, filosofiche e teologiche iniziano ad alimentare forti dubbi nel giovane dotato di sfavillante ingegno: Campanella, Campanella, tu non farai buon fine, dice il maestro dei novizi al domenicano dall’ingegno vivace che nelle sue poesie scriveva: “Di cervel dentro un pugno io sto, e divoro tanto, che quanti libri tiene il mondo non saziar l’appetito mio profondo: quanto ho mangiato! e del digiun pur moro”. Nel 1588 arriva a Cosenza, ‘l’Atene delle Calabrie’, che in quel periodo gode il suo massimo splendore, ricca di effervescenza culturale, grazie all’Accademia cosentina, rifondata da B. Telesio. Dopo un viaggio occasionale, svolto a bordo di una carrozza a quattro cavalli, ad accogliere il giovane Campanella nel convento dei Domenicani (un tempo sede dell’Università, la terza del Viceregno) sito nei pressi della confluenza del fiume Crati con il Busento, è padre Enriquez. E’ qui che il grande pensatore inizia a divorare i testi telesiani introvabili altrove ed inizia ad entusiasmarsi per le opere di quello che considererà il suo maestro di vita e che, pur non riuscendolo mai ad incontrare personalmente, rimarrà sempre l’ispiratore della sua fisica e cosmologia.
Il 3 ottobre 1588 Telesio muore e Campanella, portandosi nel Duomo di Cosenza per rendere omaggio alla salma del suo maestro, da lui considerato il genio più grande di tutto l’intero secolo, per ringraziarlo dei suoi preziosi insegnamenti e per aver ricevuto l’ispirazione divina alle confluenze dei fiumi, getta sul catafalco un madrigale in latino di omaggio devoto.

Nell’autunno del 1588 Campanella viene allontanato dai suoi superiori dal convento di Cosenza, per aver pronunciato l’elogio funebre del filosofo eterodosso cosentino e per aver stretto amicizia con un astrologo negromante di nome Abrahm. Fu trasferito nel convento di Altomonte, dove compose in pochi mesi una nutrita apologia del Telesio con il titolo di Philosophia sensibus demonstrata, la filosofia dimostrata con i sensi e non più appresa supinamente sui libri.
Incurante dell’obbligo di residenza, si reca a Napoli dove nel 1591 subisce un primo processo ‘per congiura con i demoni’; prosciolto dal processo inizia a viaggiare, partendo da Roma, quindi Firenze, Bologna e Padova, dove studia per un anno. Insofferente all’aristotelismo dogmatico inizia ad esplorare senza remore lo scibile del suo tempo.
In seguito alle sue idee poco ortodosse in materia religiosa, si ritrovò ben presto nel mirino degli inquisitori, dai quali fu accusato di eresia e rinchiuso in carcere a Roma. Infrazioni disciplinari, intemperanze verbali, opinioni eterodosse, dispute incaute, forniscono al Sant’Uffizio materia per un duplice processo che si concluderà in Roma nel dicembre 1597 con l’ordine di far rientro verso la nativa Calabria. Nel 1599 tornò in Calabria a Squillace dove tentò di organizzare una rivolta contro il dominio spagnolo a favore dei Turchi e di gettare le basi per una profonda riforma religiosa, ma fu tradito da alcuni compagni e, dopo aver tentato la fuga, fu processato e condannato a morte nel carcere di Castel dell’Ovo a Napoli, un fortilizio di origine normanna. Sfuggì alla condanna a morte simulando la pazzia per 27 anni, senza cedere alle pesanti torture cui venne sottoposto nel tentativo si strappargli l’abiura. In questo periodo malgrado la sorveglianza persecutoria, le proibitive condizioni ambientali, le torture, la mancanza di libri, ritesseva le 30.000 pagine dell’immensa tela delle sue opere. Durante la prigionia compose La monarchia di Spagna, La Teologia, L’Apologia pro Galileo, le Poesie, La Città del Sole.

I Solari o abitanti della Città del Sole vivendo in simbiosi con la natura che li circonda, riescono ad avere con essa un rapporto di armonia e di rispetto secondo il giusto presupposto che il genere umano non è avulso dal resto dell’ambiente ma ne è parte integrante e di esso è una componente fondamentale. Credono nell’immortalità dell’anima e rivolgono le preghiere più solenni al cielo di cui indagano i segreti astrologici.
Le fonti delle poesie di Campanella sono i classici latini Lucrezio e Virgilio, ma hanno un’influenza determinante anche Gioacchino da Fiore e Dante. Campanella spesso si propone in esse, non senza enfasi, come portavoce della verità: Io nacqui a debellar tre mali estremi: tirannide, sofismi, ipocrisia; […], dunque a diveller l’ignoranza io vengo.
In tutte queste opere come nelle successive, è presente la fisica naturalistica di Telesio che gli si rivelò coerente e liberatrice, svincolata dall’aristotelismo dominante che i docenti ripetevano meccanicamente da secoli e sulla quale avevano costruito il loro potere accademico e religioso. Telesio il telo della tua faretra uccide dai sofisti in mezzo al campo degli ingegni il tiranno senza scampo; libertà dolce alla verità, impetra. Nel 1604 è trasferito a Castel sant’Elmo in una fossa sotterranea umida e senza luce, ove resta legato mani e piedi per quattro durissimi anni tra sofferenze ed umiliazioni. Nel 1613 Campanella ricevette Tobia Adami, letterato tedesco che riuscì a salvare parte dei suoi manoscritti che venivano ricomposti e rielaborati più volte in seguito ai sequestri dei suoi carcerieri, consegnandogli tutte le sue maggiori opere che questi trasporta in Germania. Inizia ad intrecciare un carteggio quotidiano di oltre 200 lettere. L’autore preferì firmarsi “Settimontano Squilla”, attraverso una duplice allusione al senso profetico del proprio cognome. Campanella si sente un profeta; ha sette protuberanze in testa sulla sua scatola cranica in corrispondenza con i sette pianeti allora conosciuti. Campanella diventa Squilla: è lui la campana che risveglia, che fa aprire gli occhi alle genti e di conseguenza non può che attirarsi l’ira di coloro i quali nel governare vogliono mantenere le tenebre. Dopo essere trasferito da Napoli a Roma, nel 1626 riacquistò una parziale libertà. Fu una libertà effimera in quanto subito dopo un mese viene di nuovo incarcerato a Roma per rendere conto al tribunale ecclesiastico di quei fatti che la giustizia laica gli aveva rimesso dopo una lunga espiazione. Rimase quindi per altri due anni di dura prigionia nel palazzo romano del Sant’Uffizio, e fu rimesso in libertà per intercessione del Papa Urbano VIII di cui si attirò il favore grazie alla sua conoscenza della magia. Fu costretto poi dall’invidia dei curiali a fuggire da Roma e a rifugiarsi in Francia, dietro suggerimento del Pontefice, per timore di essere accusato di un nuovo complotto contro la Spagna, dove potè godere della benevolenza di numerosi suoi estimatori. L’1 dicembre 1634 veniva accolto a Parigi da tutto il mondo della cultura, diventando consigliere politico del potente cardinale Richelieu, che gli assicura onori ed una sorta di vitalizio. L’indomabile perseguitato però non rinuncia a calmare il suo spirito ribelle e continua a lottare per i suoi forti ideali politici e religiosi che trovano l’espressione più alta nell’universale monarchia cattolica unificatrice di tutta la terra. La guerra dei trent’anni, entra nel vivo e Parigi festeggia la nascita del futuro Luigi XIV al quale Campanella prepara l’oroscopo alla presenza di re Luigi XIII che ne rimane affascinato. All’alba del 21 Maggio 1639 spirò tra le preghiere dei confratelli domenicani del convento della Rue St-Honorè. E’ sepolto nella fossa comune come semplice frate in pieno rispetto delle sue ultime volontà. Le sue ceneri in seguito all’abbattimento di quell’edificio nel 1793, andarono disperse. La cultura intera lo piange.

fonte:
http://www.parchiletterari.com

Explore posts in the same categories: Senza categoria

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: