>Facciamoci crescere barba e capelli!

>Non voglio cavarmela con quest’ennesima notizia scoraggiante incollata qui: ho letto il commento di Valeria Piccola Volpe, e ho già in mente come rispondere in modo più “costruttivo”.
Questa pacifica ma efficace provocazione di Vincenzo Agostino, invece, condensa bene il mio sentimento sullo Stato italiano risorgimentale.

Ah, un’ultima nota: in passato mi è capitato spesso qui al Settentrione di ascoltare critiche (non solo da beceri leghisti, ma anzi sovente da persone istruite, apparentemente perbene…) rivolte ai meridionali che non sanno fare altro che lagnarsi dello “Stato”, lo “Stato che non c’è”, “lo Stato che non ci dà lavoro” ecc, manco questo Stato dovesse provvedere a tutto lui, come una mamma col suo bebé.
Ora è curioso leggere che questa “lagna” sullo Stato che non c’è, comincia a sentirsi chiara ed “autorevole” provenire da diverse parti politiche che lamentano invece una questione settentrionale: “lo Stato non garantisce i servizi”, “lo Stato non ci tutela”, “lo Stato non ci protegge dai delinquenti”…
Ah, l’ipocrisia!

(da repubblica.it del 18/11/2006)
La drammatica provocazione di Vincenzo Agostino a Contromafie”
Da 17 anni attendo giustizia. Dallo Stato ho avuto solo promesse”
Il padre di un agente ucciso:
“Chiederò aiuto alla mafia”

ROMA – “Sono pronto a tutto, e se lo Stato continua a non darmi risposte, sono disposto persino a chiedere aiuto alla mafia purchè sia fatta luce sull’uccisione di mio figlio Nino”. Vincenzo Agostino sceglie il palco degli Stati generali dell’antimafia – organizzati da Libera e in corso a Roma fino a domani – per lanciare la sua provocazione. Padre del poliziotto ucciso insieme alla moglie, Ida Castellucci (incinta di 5 mesi) nell’agosto di diciassette anni fa a Villagrazia di Carini, in provincia di Palermo, attende ancora di sapere chi siano mandanti ed esecutori di quell’omicidio per il quale non ha pagato ancora nessuno.

Sua moglie non ha ancora tolto il lutto, lui dal quel tragico 5 di agosto del 1989 non ha più tagliato barba e capelli che sono cresciuti lunghi e canuti sulle sue spalle tanto da renderlo ormai un’icona dei familiari delle vittime della mafia: ha giurato di farli crescere fino a che non saprà perchè hanno ammazzato suo figlio Nino.

E’ deluso, amareggiato, e insieme alla moglie dalla Sicilia è arrivato a Roma per partecipare al gruppo di lavoro dei familiari delle vittime di ‘Contromafie’, gli Stati Generali dell’antimafia che si concluderanno domani: “Ieri, per la seconda volta, ho ricordato la storia di mio figlio al presidente Romano Prodi che abbiamo avuto l’onore di ascoltare, un gesto per il quale gli siamo grati. Ma ancora una volta mi sono sentito dire che si sta interessando della questione e che ha bisogno di studiare il caso. Sono vent’anni che aspetto, e questa attesa la voglio testimoniare con la mia lunga barba e capelli bianchi. E’ passato troppo tempo, vogliamo avere una risposta: se ancora una volta lo Stato dovesse rispondere col silenzio senza far luce su mandanti ed esecutori dell’omicidio di nostro figlio – aggiunge Agostino con una provocazione – siamo pronti a rivolgerci a quelle cosiddette ‘persone’, alla mafia, per intenderci…”.

Advertisements
Explore posts in the same categories: Senza categoria

One Comment su “>Facciamoci crescere barba e capelli!”

  1. Jack_Walsh Says:

    >Quello che manca in Italia è una minima parvenza di senso civico.Gli interessi diffusi sono cose che non appartengono al genoma dell’Italia. LO STATO SIAMO NOI! sempre e comunque. NOn solo quando ci conviene. E poi la tiritera del Lavoro ..IL LAVORO C’E’!! ed è anche tanto…in effetti i paesi della calabria sono diventati multietnici perchè migliaia di extracomunitari fanno i lavori che gli Italiani non vogliono più fare. Se C’era crisi e c’era fame ..penso che quei lavori non sarebbero stati lasciati ad altri. CHE SI TORNI ALLA ZAPPA!…questo deve essre lo slogan…e le mafie indietreggerebbero…ma le spalle sono liscie…purtroppo!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: