>I palestinesi sono i veri cristiani

>(L’immagine a fianco è tratta da effedieffe.com, e raffigura il muro che troverebbero i re Magi sul loro cammino, se Gesù bambino dovesse nascere oggi)

La civiltà e la pazienza che i palestinesi e gli arabi musulmani in genere stanno dimostrando, è davvero esemplare.

E gli occidentali che li considerano “terroristi” sono i veri ipocriti: piuttosto, se fossimo noi nella loro situazione, dimostreremmo altrettanta civiltà e pazienza?

(articolo tratto da repubblica.it del 13.1.2007)
Il discorso teletrasmesso a poche ore dall’arrivo nella regione di Condoleezza Rice
“Cercano di trasformare il conflitto israelo-palestinese in uno tra palestinesi”
Il premier palestinese accusa:
“Usa e Israele fomentano la guerra civile”

Abu Mazen in viaggio per Amman: incontrerà re Abdallah
E a Damasco vedrà il capo dell’ufficio politico di Hamas, Mashal

GAZA – Il primo ministro palestinese Ismail Haniyeh ha accusato, a poche ore dall’arrivo nella regione del segretario di Stato Usa Condoleezza Rice, Israele e Stati Uniti di “spingere i palestinesi alla guerra civile”.

Secondo Haniyeh, “gli Stati Uniti e Israele stanno cercando trasformare il conflitto israelo-palestinese in uno tra palestinesi e vogliono prevenire la costituzione di un’unità nazionale palestinese”. Lo ha detto nel suo discorso trasmesso in televisione, subito prima dell’arrivo del segretario di Stato americano in quella che sarà la prima tappa di un viaggio mediorientale che toccherà diversi stati.

Il premier si è anche appellato ai palestinesi perché cessi “ogni forma di conflitto interno” e perché cessino gli scontri sanguinosi tra i sostenitori dell’islamico Hamas e Al Fatah. Ha anche esortato tutte le diverse fazioni politiche a mostrare rispetto per gli avversari politici.

L’agenzia di stampa palestinese Maan ha intanto riferito che il presidente Abu Mazen è partito questa mattina in elicottero per Amman per colloqui con re Abdallah. Secondo la stessa agenzia, che cita il quotidiano arabo londinese Al Hayat, Abu Mazen giungerà a Damasco all’inizio della settimana per incontrarsi col capo dell’ufficio politico di Hamas Khaled Mashal al fine di cercare di giungere a un’intesa che ponga fine agli scontri tra Hamas e Al Fatah.

L’incontro è considerato risolutivo: potrebbe concludersi con un’intesa oppure accentuare ancora di più la spaccatura in campo palestinese e portare Abu Mazen a anticipare le elezioni. Nel caso di un’intesa, secondo Maan, verrebbe formato un governo di unità nazionale con Haniyeh primo ministro ma con i portafogli degli esteri, delle finanze e dell’informazione assegnati a esponenti di Al Fatah. Il ministero dell’interno, che controlla parte dei servizi di sicurezza, andrebbe invece a una personalità indipendente.

Annunci
Explore posts in the same categories: Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: