>Olocausto e diaspora dei popoli delle Due Sicilie

>(Le prime lettere delle parole dei titoli vengono automaticamente scritte in maiuscolo, ma qui OLOCAUSTO, parola che ho scelto insieme con DIASPORA con evidente intento provocatorio, va comunque letto con la lettera minuscola, perché l’unico vero Olocausto della Storia dell’uomo è quello del Figlio di Dio. Anche se questa mia scontata notazione, oggi ai potentissimi sionisti politicamente non conviene, così come ieri non conveniva a scribi e farisei…)


Ho trovato questo bel sito: www.emigrati.it, correttamente informato sulla vera storia della genesi politica dell’Italia unita.

Ho una grande speranza nel cuore: che i miei connazionali italiani delle Due Sicilie costretti ad una tragica emigrazione dalla fine dell’Ottocento, conoscano la vera vergognosa storia d’Italia prima e meglio di quanto non facciano gli italioti di oggi.

E che proprio da loro, da coloro che sono stati forzati a ricostruirsi una vita lontano dalla propria casa, dai propri affetti e dalle proprie radici, e che nonostante ciò si sono fatti strada nel mondo in maniera egregia, aiutino questa derelitta Italia a risorgere.
Ma questa volta un Risorgimento vero!

L’Emigrazione Italiana negli Stati Uniti d’America

–Fra il 1880 e il 1915 approdano negli Stati Uniti quattro milioni di italiani, su 9 milioni circa di emigranti che scelsero di attraversare l’Oceano verso le Americhe. Le cifre non tengono conto del gran numero di persone che rientrò in Italia: una quota considerevole ( 50/60%) nel periodo 1900-1914.

–Circa il settanta per cento proveniva dal Meridione, anche se fra il 1876 ed il 1900 la maggior parte degli emigrati era del Nord Italia con il quarantacinque per cento composto solo da Veneto, Friuli Venezia Giulia e Piemonte.

Le motivazioni che spinsero masse di milioni di Meridionali ad emigrare furono molteplici.

–Durante l’invasione Piemontese, operata senza dichiarazione di guerra, del Regno delle due Sicilie, i macchinari delle fabbriche, non dimentichiamo che Napoli era allora una città all’avanguardia in campo industriale, furono portati al Nord dove in seguito sorsero le industrie del Piemonte, della Lombardia e della Liguria.

Le popolazioni del Meridione, devastato dalla guerra con circa un milione di morti, da cataclismi naturali (il terremoto del 1908 con l’onda di marea nello Stretto di Messina uccise più di 100,000 persone nella sola città di Messina) depredato dall’esercito, dissanguato dal potere ancora di stampo feudale, non ebbero altra alternativa che migrare in massa. Il sistema feudale, ancora perfettamente efficiente, permetteva che la proprietà terriera ereditaria determinasse il potere politico ed economico, lo status sociale, di ogni individuo. In questo modo, le classi povere non ebbero praticamente alcuna possibilità di migliorare la propria condizione.

–Da aggiungere ai motivi dell’esodo la crisi agraria dal 1880 in poi, successivamente l’aggravarsi delle imposte nelle campagne meridionali dopo l’unificazione del paese, il declino dei vecchi mestieri artigiani, delle industrie domestiche, la crisi della piccola proprietà e delle aziende montane, delle manifatture rurali.

–Gli Stati Uniti dal 1880 aprirono le porte all’immigrazione nel pieno dell’avvio del loro sviluppo capitalistico; le navi portavano merci in Europa e ritornavano cariche di emigranti. I costi delle navi per l’America erano inferiori a quelli dei treni per il Nord Europa, per questo milioni di persone scelsero di attraversare l’Oceano.

–L’arrivo in America era caratterizzato dal trauma dei controlli medici e amministrativi durissimi, specialmente ad Ellis Island, l’Isola delle Lacrime.

Annunci
Explore posts in the same categories: Storia, testimonianze.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: