>IL BULLISMO SI PUO’ COMBATTERE

>

Si è tenuto un importante convegno (nella foto un suo momento) presso una Sala Versace del Cedir di Reggio Calabria stracolma.
L’ occasione è stata la presentazione dei risultati del progetto realizzato dai volontari del Servizio Civile presso il Comune di Reggio Calabria “Fenomeno Bullismo: Conoscerlo per Prevenirlo”.
Il responsabile del Servizio Civile di Reggio Calabria Dott. Elio Longo ha posto l’accenno sull’aspetto educativo dei giovani, quale elemento fondamentale per prevenire ed arginare il fenomeno del bullismo, il quale come forma di goliardia giovanile è sempre esistito, ma nell’epoca attuale, caratterizzata dalla ampia disponibilità di mezzi di comunicazione, che trasformano ognuno nel possibile protagonista di un evento mediatico, gli aspetti deleteri del fenomeno sono amplificati per la voglia di farsi notare in un mondo in cui impera la legge dell’apparire a tutti i costi, anche nel modo peggiore.
Giuseppe Schirinzi , responsabile relazioni esterne di Play Tv Italia che ha ripreso l’ intera manifestazione, ha messo in guardia dai pericoli di emulazione che la documentazione di fatti negativi può innescare nelle menti più deboli e ha auspicato che i media facciano prevalere un senso di responsabilità al fine di dare spazio adeguato ai momenti di aggregazione positiva tra giovani, piuttosto che a fatti efferati di cronaca che, magari, fanno vendere qualcosa in più, ma non offrono alcuno spunto educativo.
Il giudice di Cassazione Ambrogio Moccia ha coniato uno slogan per il quale i giovani sono “Fuochi da accendere” attraverso l’aumento della qualità dei processi di insegnamento, i quali dovrebbero porre al centro la crescita emotiva degli alunni. La magistratura può svolgere un ruolo attraverso l’indicazione delle conseguenze negative che certi comportamenti possono avere per chi li pone in essere e, sopratutto, attraverso le testimonianze di vita che i singoli magistrati possono portare, al fine di far vivere ai ragazzi l’emozione di chi ha visto tante vite rovinarsi o avere la svolta nel loro momento più basso.
Il consigliere comunale Tonino Serranò (Io non ci sto) titolare della delega al servizio civile traccia il bilancio della giornata in toni entusiastici ”Sono arrivato da poco più di un mese in questo settore, ma sono rimasto contagiato dall’impegno che i volontari del servizio civile del comune di Reggio Calabria hanno profuso per la realizzazione del progetto. Questa giornata ha rappresentato il primo step di un percorso virtuoso che vedrà altri momenti pubblici in futuro , tra cui un altro convegno che dovrebbe riunire a Reggio tutti i responsabili del servizio civile a livello nazionale”

Annunci
Explore posts in the same categories: Bullismo, Comune di Reggio Calabria, Servizio Civile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: