>Un sogno. Politici calabresi uniti per il futuro della loro terra.

>
Quando il disastro e’ sotto i tuoi occhi e lo vedi nelle strade, le quali sono indegne di una Paese che possa definirsi civile, negli ospedali, i quali non sono in grado di garantirti un livello minimo di servizio, nello scempio del territorio, il quale cede ad ogni episodio di pioggia ( e l’elenco potrebbe continuare) il minimo che, persone di buon senso, serie e desiderose di rendere un servizio alla propria terra, possano dire e”Individuamo le grande emergenze della regione e impegniamoci tutti assieme a trovare una via per risolvere le situazioni, i problemi.
Mi riferisco alla Calabria e alle imminenti elezioni regionali, le quali vedono impegnate un gran numero di persone.
In quella regione lo stato delle cose ha, da tempo, superato il punto del livello minimo di decenza, che possa considerarsi ragionevole, come testimoniano le tragedie della natura, gli episodi di criminalita’, le intimidazioni ad amministratori, giornalisti, imprenditori ecc.
Se e’ vero che il governo ha ritenuto necessario tenere a Reggio Calabria una seduta del Consiglio dei Ministri in risposta ad un gravissimo atto intimidatorio diretto alla magistratura di quella citta’ si puo’ avere una idea di cosa significhi vivere da quelle parti per le persone oneste, la maggior parte, le quali tirano avanti con il proprio lavoro tra difficolta’ inanerrabili, che solo chi vive e opera in quel territorio puo’ capire.
Sarebbe doveroso, secondo me, questa dichiarazione di intenti da parte dei personaggi che si confronteranno nelle prossime elezioni, poiche’ sarebbe un segnale forte di volonta’ a risolvere i problemi di infinita’ entita’ di una terra, la Calabria, alla quale e’ stato sequestrato il futuro.
Le responsabilita’ di questa situazione sono distribuibili tra una pluralita’ di soggetti, ma per il passato, ormai, non si puo’ fare niente.
Si puo’, invece, operare per il futuro e vedere tutti gli attori politici calabresi impegnarsi a lavorare assieme per risolvere le emergenze della loro terra sarebbe un segnale di rottura dirompente.
Non sono cosi’ ingenuo da aspettarmi, che possa accadere qualcosa del genere, ma l’unica cosa che potrebbe fare una classe politica frammentata e dilaniata da lotte intestine per conquistare o conservare la propria fetta di potere combattuta sul sangue e il futuro del loro popolo e, impegnarsi a cambiare registro e lavorare seriamente per garantirgli un futuro.
Altrimenti continuerebbe l’agonia di una terra nell’indifferenza generale..

Explore posts in the same categories: Calabria, elezioni regionali 2010, futuro, progetto

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: